Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Anuket, una dea del Nilo

Stele di Amenhotep II definita come offerta agli dei di Elefantina. Trovata in Amara in Nubia – XVIII dinastia egizia

 

Anuket – Di Jeff Dahl – Opera propria, GFDL, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=3363421

Anuket, dea dell’isola di Sehel e della prima cateratta, veniva raffigurata con un copricapo di strana foggia, forse di origine straniera.
Assieme a Khnum e Satet, di cui era forse figlia, formava la triade di Elefantina.

I primi egizi credevano che Anukhet o Anuket fosse la dea della regione vicina di Nubia che, in tempi antichi costituiva un regno indipendente, il Regno di Kush, sede di un’antica civiltà che fu una sorta di anello di congiunzione tra le genti del bacino Mediterraneo e quelle dell’Africa nera.

Anuket era la prima antica dea egiziana del fiume Nilo in aree come l’isola Elefantina e c’era un grande tempio a lei dedicato nella regione di Islabd di Sehel.
Essendo la dea del Nilo, Anuketera legata alle inondazioni del fiume sacro, cioè un dio che fornisce il nutrimento tramite il fiume. La fertilità fornita dalle inondazioni del Nilo è considerata la base della lunga stabilità dell’antica cultura egiziana.

Altre importante titolo di Anuket è stato “donatrice di vita“.
Gli egiziani credevano che Anuket avesse fornito molto cibo al paese e celebravano in suo onore il “Festival di Anuket“. La gente usava gettare pietre preziose, oro, monete e grani nel fiume come segno di rispetto, inoltre non mangiava il pesce catturato durante questo periodo.

Similar posts
  • Brevi cenni sulle storie di Osiride e...
    Come nella maggior parte delle antiche mitologie, le storie egiziane dei loro dei sono state modificate nel tempo in base ai venti religiosi e politici. Quello che segue è una visione semplificata, un po’ composita, della storia di questi dei, che sono solo alcune delle più importanti divinità del ben popolato pantheon egiziano. Le storie […]

    Nessun commento ancora

    1 Ping/Trackback

    1. Satet, un’antica dea egizia | Tanogabo on 09/07/2017 at 19:10

    Rispondi