Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Alia (PA), scoperta la tomba di Minosse

Grotte_Gurfa_SiciliaMito o realtà? Il “Tholos” scoperto nei pressi di Palermo, ad Alia, in località Gurfa, sarebbe il più grande del Mediterraneo.

Il tholos è una tomba interamente scavata nella roccia ed in questo caso, appurata la sua maestosità, potrebbe anche trattarsi della già citata dallo storico greco, Diodoro Siculo, tomba di Minosse.

Sezione-tomba-a-TholosSarebbe una scoperta di per sè importantissima e di assoluta rilevanza archeologica, ma quest’ultima ipotesi le dona un’eco internazionale ed un incommensurabile fascino. Figlio di Zeus ed Europa, Minosse fu re di Creta e si narra che fosse un re giusto e saggio e per questo motivo, dopo la sua morte, sarebbe divenuto uno dei giudici degli inferi, assieme a Radamante ed Eaco.

Grotte_GurfaMa cosa legò Minosse alla Sicilia? Tante cose ed avvenimenti in realtà. Combattè contro Niso dal “capello d’oro” (da cui il mito narra dipendessero la sua vita e potenza) re di Megara, la cui figlia, Scilla, si innamorò perdutamente del re cretese e non indugiò ad introdursi nottetempo nella camera da letto del padre per tagliargli il capello d’oro. Scilla in seguito consegnò le chiavi di Megara a Minosse e gli chiese di sposarla.
Minosse conquistò Megara, ma si rifiutò di portare a Creta la parricida, che per lo sconforto si tolse la vita annegandosi in mare.

A Minosse è anche legata la storia del minotauro, di Teseo e di Arianna.

Quello che secondo i miti attici fu invece un re crudele e senz’anima, si narra che venne ucciso in una vasca da bagno in Sicilia, mentre si trovava ospite del re sicano Cocalo.
Anche Diodoro Siculo narrò come la leggendaria tomba di Minosse si trovasse al di sotto di un tempio di Afrodite e come anche Terone di Akragas, al fine di vendicare l’uccisione del re cretese, avesse cercato ed occupato quest’area sacra.

La tomba a tholos ( che in greco significa cupola) rinvenuta nei pressi di Palermo potrebbe essere il luogo d’eterno riposo del re cretese, ma potrebbe anche celare diversi segreti storici ed archeologici. Questo tipo di tombe risale alla tarda età del bronzo e tra i sepolcri più conosciuti del genere, vi sono quelli micenei ed etruschi.

Interno_Grotte_GurfaLe grotte della Gurfa sono un esempio di architettura rupestre. Si trovano in Sicilia, nei pressi del comune di Alia (provincia di Palermo). Sono composte da sei ambienti scavati in una rupe di arenaria rossa, senza sfruttare cavità naturali già presenti. La datazione è ancora incerta ma sembra risalire, dai rilievi effettuati, al 2500 a.C.-1600 a.C. età del bronzo.

Nel 1995 le grotte sono state usate come set per alcune scene del film L’uomo delle stelle di Giuseppe Tornatore.

tratto da: http://www.tanogabo.it/tomba_Minosse.htm

Similar posts
  • Melanzane a quaglie L’antipasto non ha una lunga tradizione nella cucina siciliana. Forse perchè, in quella popolare, almeno, la fame era ogni volta tanto forte da non aver bisogno di essere sollecitata ulteriormente. Melanzane, peperoni, zucchine, cipolline, in qualsiasi modo venissero preparate, erano parte integrante del secondo piatto. Eppure, proprio per la virtù posseduta, di stuzzicare l’appetito, non [...]
  • Pietro Novelli (1602 – 1647) Pietro Novelli, conosciuto anche come il Monrealese o Pietro Malta Novelli, per distinguerlo dal padre, Pietro Antonio Novelli, fu certamente il miglior pittore barocco del Seicento palermitano. Nato a Monreale il 2 marzo del 1603, Pietro Novelli si trasferì giovanissimo a Palermo per compiere la sua formazione presso la bottega del padre e poi si [...]
  • “Teste di Turco” di Paler... La produzione della ceramica a Caltagirone, città catanese patrimonio UNESCO, è una tradizione millenaria, legata profondamente alla storia della Sicilia. Da molti secoli generazioni di artigiani ed artisti hanno dato vita alla loro fantasia creativa attraverso la produzione di splendide opere in ceramica invetriata. Passeggiando per la città di Caltagirone possiamo scorgere le teste di moro tra [...]
  • Una galoppata… lungo le vie di ... La “mia” città per voi….. vista attraverso delle foto presenti sul web . . «Palermo, Museo del Mediterraneo: se volete sapere quel ch’è passato su questi flutti azzurri venite a Palermo. E’ una città deliziosa, una città dolce, una città profumata. Le sue piazze, le sue vie, i suoi giardini, i suoi monumenti sono magnifici. [...]
  • Santuario Madonna dei Rimedi – ... Ruggero I° dei Normanni, conquistata col fratello Roberto il Guiscardo la Calabria verso la meta del sec. XI, muove decisamente verso la Sicilia, da due secoli in possesso dei Saraceni. La vittoria lo accompagna dovunque, e cosi di tappa in tappa si avvicina a Palermo tenuta saldamente dagli Arabi. Durante l’assedio lungo e difficile, tra [...]