Proverbi palermitani

 

  • A butti china e a muggheri ‘mriaca
    La botte piena e la moglie ubriaca
  • A casa capi quantu voli u patruni
    La casa è capiente quanto vuole il padrone
  • A tempo i carestia ogni pirtuso è galleria e cu navi addisia
    In tempo di carestia ogni buco è ben accetto, e chi non l’ha lo desidera
  • Addumannai aiutu all’uoirbu, rapiu l’uoacchi e mi fici scantare
    Ho chiesto aiuto al cieco, ha aperto gli occhi e mi ha fatto spaventare
  • Agneddu e sucu e finiu u’ vattiu
    Agnello e sugo ed è finito il battesimo
  • Amici e parienti un ci accattari e un ci vinniri nienti
    Amici e parenti non ci comprare e non ci vendere niente
  • Arance arance, ri cui su i guai si chianci
    Arance arance, di chi sono i guai se li piange
  • Chianci chianci e poi t’accatti aranci
    Piangi piangi che poi ti compro le arance
  • Chiovi a assuppa viddani
    Pioggia lenta e fine che non si sente che però riesce a bagnarti tutto
  • Chiù scuru i menzanuotte un pò fari
    Più buio di mezzanotte non può fare
  • Ci vuole u ventu n’ Chiesa ma no astutari i cannili
    Ci vuole il vento in Chiesa ma non spegnere le candele
  • Conzala comu vuoi ca sempre cucuzza è
    Falla come vuoi che tanto è sempre zucca
  • Cu lassa a vecchia pà nova sapi ‘nzoccu lassa e un sapi n’zoccu attrova
    Chi lascia la vecchia per la nuova sa quello che lascia ma non sa quello che trova
  • Cu mancia patate un more mai
    Chi mangia patate non muore mai
  • Cu nasci tonnu un pò muoriri quadrato
    Chi nasce rotondo non può morire quadrato
  • Cu parrò m’arricriò
    Chi ha parlato mi ha soddisfatto
  • Cu pratica u zoppu all’anno zuppichìa
    Chi va con lo zoppo impara a zoppicare
  • Cu sparti avi a megghiu parti
    Chi divide ha la parte migliore
  • Fari viriri u culu e fuoddi
    Fare vedere il culo ai pazzi
  • Futti futti ca Dio perdona a tutti
    Frega frega che poi Dio perdona a tutti
  • Gira e baggira u cantaru è venticinque
    Gira e rigira il cantaro è venticinque
  • I guai ra pignata i sapi u cucchiaru ca l’arrimina
    I guai della pentola li sa il cucchiaio che mescola
  • I parenti sunnu comu e scarpi, chiù sunnu strippi chiù astruppinunu
    I parenti sono come le scarpe, più sono stretti più fanno male
  • Iu manciu cipudde e attia abbruciano l’uocchi
    Io mangio cipolle e a te bruciano gli occhi
  • Mancia ru tò mancia e ru tò saziatinni
    Mangia dal tuo e dal tuo saziati
  • Megghiu riri chi sacciu che diri chi sapia
    Meglio dire che so che dire che sapevo
  • Megghiu sulu ca mala accumpagnatu
    Meglio soli che male accompagnati
  • Megghiu una iurnata i leuni ca centu ri pecuruna
    Meglio una giornata da leone che cento da pecorone
  • Megghiu u tintu canusciutu ca u tintu a canusciri
    Meglio il furbo conosciuto che il furbo ancora da conoscere
  • Pigghia l’arti e mettila i parti
    Prendi l’arte e mettila da parte
  • P’un curnutu un curnutu e mienzo
    Per un cornuto un cornuto e mezzo
  • Sciatiri e matri e vogghiu riri
    Frase che esprime “meraviglia” (*)
  • Si comu u rui ri renari quannu a briscula è a mazzi
    Sei come il due di denari quando la briscola è a mazze
  • Si l’ultima vara i sannuminicu
    Sei l’ultima bara di San Domenico
  • Si na bannera ru cannavazzu
    Sei una bandiera fatta con lo straccio
  • Si vistitu i centu liri
    Sei vestito con cento lire
  • Sunnu comu u lazzu e a strummula
    Sono come il laccio e la trottola
  • S’unceru: ogghiu fitusu e paredda spunnata
    Si sono uniti: olio sporco e padella bucata
  • Testa cu’n parra si chiama cucuzza
    Testa che non parla come una zucca
  • Ti manciasti u sceccu e ti confunnisti pa cura
    Ti sei mangiato l’asino e ti confondi per la coda
  • U cani muzzica sempre u cchiù spaiddatu
    Il cane morde sempre il più straccione
  • U jornu un’ni vuogghiu e a notte friu l’ogghiu
    Di giorno non voglio far nulla e la notte mi metto all’opera sprecando l’olio della lampada
  • U’mmurutu ‘nmenz’a via u so immu un su talia
    Il gobbo in mezzo alla strada non guarda la sua gobba
  • U picca abbasta e l’assai assuviecchia
    Il poco basta e il troppo rimane
  • U pisci fete ra tiesta
    Il pesce puzza dalla testa
  • U scieccu unni cari si susi
    L’asino dove cade si rialza
  • Un sulu e macari
    Non solo, ma pure…
  • Va sparati un suordu o cuorpu
    Sparati un soldo per ogni colpo
  • Va cunta i cantari o spitali
    Vai a contare i bagni all’ ospedale
    _____________
    (*) U “sciatiri” (sfiatatoio) risale al periodo della dominazione araba e consisteva in un imbuto che si metteva vicino al letto matrimoniale e si usava quando la donna doveva scorreggiare; l’imbuto era collegato con un tubo che allontanava il cattivo odore.
    Questo attrezzo veniva dato dalla madre in dote alla sposa … Ecco perchè si diceva “sciateri e matri e vogghiu riri”