Proverbi lucani

La lingua italiana, da qualche tempo, tende a prevalere sempre più anche nella Basilicata. La globalizzazione omologa e soffoca le caratteristiche peculiari e la cultura dei popoli. Così anche i dialetti cominciano ad avere la vita difficile, proprio quando invece occorrerebbe il recupero e l’analisi della cultura popolare. Il terzo millennio dovrà recuperare il dialetto parlato, le canzoni e le poesie dialettali: gli strumenti più validi, a nostro avviso, per la rivalutazione dell’identità di un popolo.

Ecco alcuni provebi:

1) Chi tropp’ s’abbascia lu cule s’ mostra 

2) Fa prima ‘na femmena a truvà ‘na scusa ca ‘nu soresce a truvà ‘nu purtuse

3) Li sciabbole stanne appese, li fodere cumbattene

4) E’ chianggiure, veramente, lu mort’ ca ‘nun dascia niente

5) Fa male e penza, fa ‘bbene e scorda

6) Cu ‘nu si t’ mbiccia e cu ‘nu no t’ spiccia

7) Beate quedda casa addò lu prevere trase

8) Quann’ lu cule mena vent’ lu miereche stà allabente

9) A chiange lu mort’ sò lacreme perdure

10) Da chi nun tene migliera nè figlie, nè p’ amore nè p’ cunziglie

11) Chi zappa beve acqua, chi porta beve vine

12) Turrone d’ fera: tutta carta niente cupeta

13) Buoie pasce e campana sona

14) Cane de chianca, chiene d’ sanghe e morte de fama

15) ‘Nanz’ ca muove ‘nu piere datu se lu magnene li furmiche

16) Damm’ temp’ ca t’ spertusa, disce lu pappèle a la fava

17) S’appaura ca lu cule gn’arrobba la cammiscia

18) La addina fà l’uove e a lu adda gn’ bruscia lu cule

19) Quanne lu signore iesce cu la sciammèreca è segn’ c’ ha fernù li vestite

20) Li ciucce ‘nnanz’ e li cavadde appresse

21) Nun tene pane e va truvenne savicicchie

22) Li cannèle s’ strurene e la prucessiona nun’ camina

23) Quanne lu ‘mbriache nunn’ vole, tutt’ lu dann’ a beve

24) Tre sò li putente: lu papa, lu rRè e chi nun’ tene niente

25) Diette strett’ corchete ‘menz’

26) Mieglie ‘nu marire brutt’ ca mica ‘ntutte

27) Fra vituperio parla de castità

28) ‘Ngasa d’ pezzente nun manchene stozze

29) Lu scarpare ca nunn’ha chi fà conta li forme

30) Vizi da generale, pàa da capurale

31) Vai p’ t’ fa la croc’ e t’ ceca d’uocchie

32) Piccil’ è l’abbetina ma tutta chiene de devozione

stralcio tratto da: matera.fimmg.org

.

.

Inoltre traggo dal web: 

  • A gatta pressaròla fici li gattariddi cicati.
    La gatta che aveva fretta partorì gattini ciechi.
  • A lavà la cap au ciocc’, pird acqu’ e sapon.
    E’ inutile lavare la testa all’asino, perchè è uno spreco.
  • A mmerda cchiù a rimìnisi e cchiù feti.
    Lo sterco, più lo rimescoli e più puzza. Ossia non dire più volte le stesse cose perchè dai fastidio e sei pesante.
  • Addu ngè gustu, nun c’è pirdenza.
    Dove c’è gusto, non c’è perdita.
  • Ah s’a’mmidia fussi cuglia…
    Ah se l’invidia fosse ernia!…(frase che si dice quando si è in presenza di un atteggiamento invidioso).
  • Au mal zappator, n’ sciuna zapp li piac’.
    Chi non vuole lavorare, non lavorerà mai e poi mai.
  • Ciucciu e prisuntuosu.
    Ignorante e presuntuoso.
  • Cu sputa n’cilu m’baccia li torna.
    Chi sputa in cielo, la saliva gli torna in faccia.
  • Cu sta a’spiranza i l’ati e nnù’ccucina, a sira si curca dijunu.
    Chi sta alla speranza degli altri e non cucina, la sera si corica digiuno.
  • Cu troppu a’ffina, mminzu a’spezza.
    Chi troppo la affina, in mezzo la spezza.
  • Curtu e mali cavatu.
    Corto e male fatto (sgraziato).
  • Diu ni lìbbiri da li fimmini mustazzuti e da l’ummini senza varva.
    Dio ci liberi dalle donne con i baffi e dagli uomini senza barba.
  • Fat’u fissa pi nnù’gghì a guerra.
    Fa lo scemo per non andare in guerra.
  • Figl’i gatta surici angappa.
    Figli di gatta, acchiappa topi.
  • Finisc’a tarallucci e vinu.
    Finisce a tarallucci e vino.
  • Genti i li fraski aia chiamà cu fiscku.
    Gente delle frasche, le devi chiamare con un fischio. Ossia chi viene dalla montagna andrebbe chiamato quasi come si chiamano le bestie!
  • Gùna ni fa e centu ni penza.
    Una ne fa e cento ne pensa.
  • Hai rummasu cu culu rottu e senza cirasi.
    Sei rimasto con il sedere rotto e senza ciliegie. Ossia dopo tanto sforzo non hai ottenuto niente.
  • Li ciucci si truzzanu, e li varìli ngi vano pi sutta.
    Gli asini si colpiscono di testa e i barili ci vanno di mezzo.
  • L’omo pa parola, u voio pi li corna.
    L’uomo per la parola, il bue per le corna. Ossia l’uomo si prende per la parola data e il bue per le corna.
  • Maritu e figli comi Diu ti manna accussì ti pìglisi.
    Marito e figli come Dio te li manda così te li prendi.
  • Mazz e panell, fann i fegl’ bell.
    Chi è educato severamente crescerà con più responsabilità e senso della ragione.
  • Megliu (localmente megghiu) n’uvu gòi ca crai a gaddina.
    Meglio un uovo oggi che domani la gallina.
  • Megliu (localmente megghiu) riccu i sangu ca di soldi.
    Meglio ricco di sangue, che di soldi.
  • Na vota si futt’a vecchia.
    Una volta si frega la donna anziana.
  • Nè di venneri nè di marti, nun si sposa nun si parti, nè si dà principiu a l’arti.
    Nè di venedì nè di martedì,non ci si sposa, non si parte, nè si dà inizio all’arte (ad un nuovo lavoro).
  • Ngi mìttisi a pezza.
    Ci metti la pezza. Ossia cerchi di risolvere la situazione.
  • N’tempu i guerra, ogni bucu è pirtusu.
    In tempo di guerra, ogni buco è pertugio.
  • Nun tene manco l’ucchj pi chiangi.
    Non ha manco gli occhi per piangere. Ossia è molto povero.
  • Ognadunu porta l’acqua a u mulinu soio.
    Ognuno porta l’acqua al suo mulino.
  • Pan senza mazz’, fann i fegl’ pazz.
    Pane senza rimproveri, fanno i figli pazzi. Chi non è educato in modo adeguato, avrà sicuramente una vita molto disagiata poichè è stato viziato e non riuscirà ad affrontare i problemi della vita.
  • Pan’ senza mazz, fann i fegl’ pazz.
    Se i figli hanno avuto un’educazione pessima, allora cresceranno in un modo barbaro.
  • Pàrlisi com’a nu libbru stampatu.
    Parli in modo perfetto,ineccepibile.
  • Passanu l’anni e criscinu i malanni.
    Passano gli anni e crescono i malanni
  • Piglià assu pi figura.
    Pigliare asso per figura. Ossia scambiare una cosa per un’altra.
  • Pignata guardata mai vodde (variante “pignata talìata, nù’vvodde mai).
    Pentola guardata, non bolle.
  • Puru a rigina gàppi bisugnu d’a vicina.
    Anche la regina ebbe bisogno della vicina.
  • Quannu trona chiovi, quannu lamba scamba.
    Quando tuona piove, quando lampeggia si rasserena.
  • Raccumannà li pecuri a u lupu.
    Raccomandare le pecore al lupo.
  • Sì ccom’u mirculidìa mminz’a simmana.
    Sei come il mercoledì in mezzo alla settimana!
  • Si dicit’u piccatu ma no u piccature.
    Si dice il peccato ma non il peccatore.
  • Si vùi fricare il tuo vicinu, cùrcati sira e lèvati matinu (variante “gàzati matinu).
    Se vuoi burlare(superare) il tuo vicino, coricati la sera (presto) e alzati il mattino (presto).
  • Soldi fanu soldi, e piducchi fanu piducchi.
    Soldi fanno soldi e pidocchi fanno pidocchi. Ossia chi è povero è molto difficile che si possa evolvere e migliorare la sua condizione.
  • S’u mbrestu furrera (o sarrìa) bunu, ognadunu mbristera a mugliera.
    Se il prestito fosse cosa buona, ognuno presterebbe la moglie.
  • Tempu ngi vò, diss’u suriciu a la nuci, ma ti pirtusu!
    Tempo ci vuole, disse il topo alla noce, ma ti buco!
  • Ti puzza a vucca i latti!
    Ti puzza la bocca di latte! Ossia “zitto tu che sei ancora un bambino!”
  • U’ ciocc’ tant avantat vai’ a f’rnesc’ a car’scià pret.
    Chi è tanto lodato, finirà a fare lavori umili.
  • U gabbu cogli’t e a iastima no!
    Il gabbo coglie ma la bestemmia no! (ossia le bestemmie non hanno effetto, ma il gabbo si, cioè quando si fanno commenti di meraviglia sulla condizione negativa o sfortunata degli altri, e in questo modo li si “adocchia”).
  • U saziu nù’kkridi a lu dijunu.
    Il sazio non crede al digiuno.
  • U supirchiu ruppi u cupirchiu.
    Il soverchio rompe il coperchio.

2 opinioni riguardo a “Proverbi lucani

  1. Pingback:ZicZac.it, clicca qui e vota questo articolo!

  2. Pingback:diggita.it

Rispondi